InfoChem.it - Chimica e Sicurezza

Attribuizione HP14 ai rifiuti

RIFIUTI: attribuzione HP14 – Reg. (UE) 2017/997

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE n° 150 del 14 giugno 2017 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2017/997, che modifica l’Allegato III della Direttiva 2008/98/CE, per quanto riguarda l’attribuzione della caratteristica di pericolo HP14 «Ecotossico» ai rifiuti.

Il Regolamento allinea i criteri di attribuzione delle caratteristiche di pericolo ai rifiuti con i criteri indicati dal CLP per la valutazione dell’ecotossicità delle sostanze chimiche.

Il Regolamento (UE) 2017/997 entra in vigore il 4 luglio 2017, ma deve essere applicato in maniera obbligatoria a decorrere dal 5 luglio 2018.

Nello specifico viene aggiornata la definizione di HP14 :

HP 14 «Ecotossico»: rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.

Vengono inoltre stabili i criteri di attribuzione per HP14.

Sono classificati come rifiuti pericolosi di tipo HP 14 i rifiuti che soddisfano una delle condizioni indicate di seguito:

-  I rifiuti che contengono una sostanza classificata come sostanza che riduce lo strato di ozono con il codice di indicazione di pericolo H420, se la concentrazione di tale sostanza è pari o superiore al limite di concentrazione dello 0,1 %.

[C(H420) ≥ 0,1 %]

-  I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con tossicità acuta per l'ambiente acquatico con il codice di indicazione di pericolo H400, se la somma delle concentrazioni di tali sostanze è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %.

A tali sostanze si applica un valore soglia dello 0,1 %.

[ΣC (H400) ≥ 25 %]

-  I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con tossicità cronica per l'ambiente acquatico 1, 2 o 3 con il codice di indicazione di pericolo H410, H411 o H412, se la somma delle concentrazioni di tutte le sostanze della categoria 1 (H410) moltiplicata per 100, aggiunta alla somma delle concentrazioni di tutte le sostanze della categoria 2 (H411) moltiplicata per 10, aggiunta alla somma delle concentrazioni di tutte le sostanze della categoria 3 (H412), è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %.

Alle sostanze classificate con il codice H410 si applica un valore soglia dello 0,1 % e alle sostanze classificate con il codice H411 o H412 si applica un valore soglia dell'1 %.

[100 × ΣC (H410) + 10 × ΣC (H411) + ΣC (H412) ≥ 25 %]

-  I rifiuti che contengono una o più sostanze classificate come sostanze con tossicità cronica per l'ambiente acquatico 1, 2, 3 o 4 con il codice di indicazione di pericolo H410, H411, H412 o H413, se la somma delle concentrazioni di tutte le sostanze classificate come sostanze con tossicità cronica per l'ambiente acquatico è pari o superiore al limite di concentrazione del 25 %.

Alle sostanze classificate con il codice H410 si applica un valore soglia dello 0,1 % e alle sostanze classificate con il codice H411, H412 o H413 si applica un valore soglia dell'1 %.

[Σ C H410 + Σ C H411 + Σ C H412 + Σ C H413 ≥ 25 %]

dove: Σ = somma e C = concentrazioni delle sostanze.











Nuova Guida Normativa

Design template Su cui è possibile consultare la recensione delle norme di settore: classificazione, preparati, sostanze, SDS, REACh.

Corsi di Formazione

Su tematiche legate alla compilazione, lettura e controllo delle informazioni sulle sostanze pericolose, aggiornamento normativo, presso la Sede del Cliente

Infochem Forum

Dedicato ai quesiti tecnici e pratici derivanti dall'applicazione della normativa sulla classificazione delle sostanze e preparati pericolosi secondo l'U.E.