InfoChem.it - Chimica e Sicurezza

Novità dall’ECHA - maggio 2017

REACH: IUCLID 6 versione 1.3.0

È ora disponibile la nuova versione di IUCLID 6. Oltre a miglioramenti e correzioni di bug, offre tre nuove funzionalità:


Calcolatore PNEC: aiuta a generare (PNEC) per diversi compartimenti ambientali in linea con la guida dell'ECHA. I risultati vengono automaticamente memorizzati in IUCLID

 

Riutilizzo dell’intestazione del dossier: è ora possibile riutilizzare le informazioni amministrative precedentemente immesse per la stessa sostanza nell'intestazione dei fascicoli, quando si presentano dossier successivi all'ECHA. ad esempio quando si invia un aggiornamento non è più necessario compilare tutte le informazioni manualmente.


Gestione dei modelli di report: facilita la generazione dei report consentendo di precaricare i modelli dei report in IUCLID e di utilizzarli ogni volta che sia necessario. Inoltre, l'aggiornamento contiene miglioramenti alle funzionalità attuali e correzioni a problemi noti.

 

È possibile scaricare gratuitamente il software dal sito web IUCLID.

 

E' anche possibile scaricare gratuitamente il database IUCLID6  contenente le informazioni chiave su circa 15000 sostanze chimiche così come ricevute da ECHA nei dossier di registrazione. I dati possono essere utilizzati solo dopo aver accettato i termini e le condizioni, e non per la registrazione ai sensi del REACH.

 

In caso di dubbi o problemi sono disponibili quattro nuovi video tutorial che mostrano come installare e aggiornare l'applicazione, come convalidare il dossier e come eseguire il backup e il ripristino dei dati.

 

Nel mese di maggio è anche stato lanciato il gruppo IUCLID LinkedIn: vuole essere uno spazio collaborativo per gli utenti di IUCLID per discutere e fornire feedback sugli ultimi sviluppi IUCLID e sull'utilizzo dell'applicazione.

 

IUCLID 6 website|IUCLID LinkedIn group|Video tutorials


REACH: versione IUCLID Cloud online

E’ ora possibile familiarizzare con i servizi Cloud di ECHA provando la nuova versione Cloud IUCLID. Ciò permette di lavorare con IUCLID online senza dover installare l'applicazione.

Nel servizio di prova è possibile utilizzare l'applicazione IUCLID Cloud per importare e visualizzare la sostanza e il dossier relativo ed è possibile lanciare il client IUCLID Cloud (il tradizionale IUCLID che memorizza i dati nel Cloud) per modificare i dati. Ci sono a disposizione 100 MB per l’archiviazione dati e aggiornamenti automatici di IUCLID.

Poiché è un servizio per ora soltanto in prova, non vengono eseguiti dei backup dei dati, il supporto dall’ helpdesk  è limitato e non ci saranno tutte le funzionalità IUCLID attive.

La versione IUCLID Cloud completa sarà disponibile per le PMI nel luglio 2017.

ECHA Cloud Services


BIOCIDI: sei pareri adottati dal Comitato sui biocidi

Il Comitato per i prodotti biocidi (BPC) ha adottato pareri favorevoli all'approvazione di due sostanze attive per l'uso nei biocidi utilizzati come disinfettanti per l'igiene umana e veterinaria.

Le sostanze attive sono:

- L (+) acido lattico per tipi di prodotto 2, 3 e 4

- Propan-1-ol per i tipi di prodotto 1, 2 e 4


La conclusione del Comitato è che queste sostanze nei tipi di prodotto pertinenti possono essere approvate. I pareri adottati serviranno da base per il processo decisionale finale da parte della Commissione europea e degli Stati membri.

L'approvazione di una sostanza attiva è concessa per un determinato numero di anni, non superiore a dieci anni.


Annex |Biocidal product-types


BIOCIDI: aggiornato l'elenco delle sostanze attive nel programma di riesame

E’ stato aggiornato l'elenco delle sostanze attive biocide da valutare dagli Stati membri. Le sostanze non più supportate nel programma di riesame devono essere eliminate gradualmente entro il  4 novembre 2017.

L'allegato II del regolamento sul programma di riesame include un elenco delle sostanze attive che le aziende hanno chiesto di utilizzare per un determinato tipo di prodotto. Se una sostanza è presente nell'elenco, il prodotto può rimanere sul mercato UE mentre si attende che la sostanza sia approvata.


Se una sostanza non è più inclusa nel programma di revisione per un utilizzo specifico, significa che nessuna società ha espresso interesse a mantenerla o la notifica non ha soddisfatto i requisiti. La Commissione europea ha adottato una decisione di non approvazione per queste sostanze. Secondo la decisione, le sostanze non possono più essere messe a disposizione sul mercato dell'UE dopo il 4 novembre 2017 e non più utilizzate dopo il 4 aprile 2018.


La Commissione europea ha aggiornato il regolamento sul programma di revisione nel mese di febbraio. Il regolamento è entrato in vigore il 9 maggio 2017.


List of compliant notifications


ETICHETTE - assicuratevi di essere conformi alla normativa dopo il 1 ° giugno 2017

Il periodo transitorio di due anni per conformarsi al regolamento di classificazione, etichettatura e imballaggio (CLP) è terminato. Ciò significa che tutti i prodotti chimici presenti sul mercato, dal 1 ° giugno 2017 devono essere etichettati con i nuovi pittogrammi a forma di diamante rosso e bianco.

L'inserimento di prodotti non correttamente etichettati sul mercato sarà illegale dal 1 ° giugno.


Dal 1 ° giugno 2017, un distributore non è autorizzato a vendere i prodotti con la vecchia classificazione e l'etichettatura.

Per un rivenditore, questo significa che può avere soltanto prodotti con le nuove etichette CLP sugli scaffali.

Anche eventuali prodotti ancora presenti in stock, dopo il 1 ° giugno non possono più essere venduti

se hanno ancora le vecchie etichette. È necessario rimuoverli dagli scaffali a meno che non sia stato concordato con il fornitore di riceve le nuove etichette e che la loro confezione sia conforme ai requisiti CLP.

Se si stampano in proprio le etichette, è necessario accertarsi che la classificazione e l'etichettatura siano corrette.
 


PIC: aggiunte nuove sostanze chimiche nelle voci di gruppo PIC
Dall'aprile del 2016, sono state aggiunte 90 sostanze chimiche supplementari alle voci di gruppo nell'elenco delle sostanze soggette a una notifica di esportazione (allegato I del PIC).

E’ disponibile sul sito ECHA un elenco dei prodotti chimici soggetti a PIC.

Il regolamento PIC si applica a un elenco di voci (per singole sostanze chimiche o gruppi di sostanze chimiche), incluse nell'allegato I, e a miscele contenenti tali sostanze in concentrazioni tali da far scattare l'obbligo di etichettatura a norma del regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento CLP) (a prescindere dal fatto che questi contengano altre sostanze), nonché ad articoli contenenti tali sostanze chimiche in forma non reattiva.

L'elenco si divide in tre parti che definiscono i vari obblighi applicati alle sostanze chimiche.

 

Parte 1

Queste voci sono subordinate alla procedura di notifica dell'esportazione che riguarda tutte le sostanze chimiche vietate o soggette a restrizioni rigorose all'interno dell'UE in almeno una delle quattro sottocategorie d'uso stabilite nel regolamento PIC:

  • sostanze chimiche industriali destinate a usi professionali
  • sostanze chimiche industriali destinate all'impiego da parte del consumatore
  • pesticidi in qualità di prodotti fitosanitari
  • altri pesticidi, compresi i biocidi

 

Parte 2

Oltre all'obbligo di notifica dell'esportazione, le voci contenute nella parte 2 sono soggette a un ulteriore obbligo dell'autorità nazionale designata dell'esportatore che riceve una comunicazione da parte delle autorità del paese di importazione attestante il loro accordo all'importazione. Questa procedura è denominata consenso esplicito.

Tali sostanze chimiche sono assoggettabili alla notifica PIC ai sensi della convenzione di Rotterdam, perché sono vietate o soggette a restrizioni rigorose all'interno dell'UE in una delle due categorie d'uso stabilite nella convenzione di Rotterdam, ossia pesticidi o sostanze chimiche industriali.

 

Parte 3

Le voci che figurano nella parte 3 sono soggette all'obbligo di notifica dell'esportazione, oltre che al consenso esplicito, tranne quando una risposta all'esportazione è pubblicata nella circolare PIC, ai sensi della convenzione di Rotterdam, e determinati criteri risultano soddisfatti.

Si tratta di sostanze chimiche sottoposte alla procedura PIC come descritto nella convenzione di Rotterdam, elencate nell'allegato III della convenzione stessa.

Chemicals added under Annex I |Annex III to the Rotterdam Convention


ECHA: maggiore chiarezza sulle informazioni sui rischi delle sostanze chimiche

Sono disponibili ulteriori dettagli sui pericoli e la classificazione delle sostanze nelle Infocard e nei profili brevi. Ciò migliora la trasparenza dei dati pubblici su più di 120.000 sostanze chimiche.

Con un aggiornamento sul portale ECHA “Informazioni sulle sostanze chimiche”, la sensibilizzazione è stata suddivisa per indicare se una sostanza è un sensibilizzante respiratorio o cutaneo.

Inoltre ora le Infocard e profilo breve mostrano quando una classificazione e le proprietà critiche di una sostanza sono influenzate da impurità o additivi e in che misura la classificazione presentata nel database è condivisa tra i notificatori.

Maggio 2017

Altri miglioramenti nel database includono:

- Raggruppamento degli usi per ciclo di vita: le informazioni sull'utilizzo della sostanza sono suddivise per fase, ad esempio utilizzo nel sito produttivo, uso da parte dei consumatori e impieghi professionali.

Ricerca per nanomateriali: è possibile cercare quelle sostanze in cui i dichiaranti hanno indicato una nanomateriale nel loro fascicolo.

- Ricerca degli usi con testo libero: è possibile cercare un uso come testo libero in aggiunta alle categorie predefinite.
- Indicazione dell'ultimo anno di presentazione per dichiarante: l'elenco dei dichiaranti / fornitori dei dossier delle sostanze registrate indica quale dei dichiaranti ha aggiornato il proprio dossier e quando.


SCENARI DI ESPOSIZIONE: come aiutano le mappe di settore

E 'ora disponibile un riepilogo delle Q & A dal Webinar tenutosi il 30 marzo scorso circa gli scenari di esposizione e le mappe di settore.

Il webinar si è concentrato sulle sfide affrontate dalle aziende per realizzare gli scenari di esposizione e ha evidenziato come possano aiutare le mappe d'uso.

Gli utenti a valle devono garantire che vengano soddisfatte le condizioni descritte negli scenari di esposizione che ricevono. È fondamentale, quindi, che gli scenari di esposizione riflettano le condizioni d'uso in atto. Gli scenari di esposizione, però, sono generati dai dichiaranti. Lli utenti a valle, pertanto, devono comunicare ai dichiaranti come vengono utilizzate le loro sostanze.

Le mappe di utilizzo di settore costituiscono un modo efficace per comunicare tali informazioni ai dichiaranti. Evitano, inoltre, la necessità di contatti bilaterali frequenti tra utenti a valle e dichiaranti e assicurano che gli utenti a valle ricevano scenari di esposizione realistici e armonizzati, rendendoli più facili da elaborare.

Il webinar è stato registrato: dalla pagina dell’evento è ancora possibile vederne il video o scaricare i pdf delle singole presentazioni.

Event page


GUIDE ECHA: nuove bozze di Guide ECHA inviate per la prossima fase di consultazionee nuove guide per i nanomateriali

Si segnala che le bozze delle seguenti Guide sono state inviate per la prossima fase di consultazione:

L'ECHA ha inoltre pubblicato cinque documenti che aiutano i dichiaranti a preparare i dossier relativi ai nanomaterialiprima della scadenza del 2018.

I documenti comprendono due nuovi elementi di guida, nonché alcune raccomandazioni e aggiornamenti delle guide esistenti sui nanomateriali.

Le nuove pubblicazioni sono:

Inoltre, l'ECHA ha pubblicato aggiornamenti su tre delle sue linee guida esistenti sui nanomateriali, che sono le appendici per i nanomateriali del Capitolo R.7a, R.7b e R.7c della Guida all'IR & CSA (Endpoint specific guidance).

L'ambito dell'aggiornamento riguarda gli endpoint relativi alla salute umana e all'ambiente e incorpora nuovi sviluppi nella comprensione scientifica della valutazione dei rischi / rischi dei nanomateriali.











Nuova Guida Normativa

Design template Su cui è possibile consultare la recensione delle norme di settore: classificazione, preparati, sostanze, SDS, REACh.

Corsi di Formazione

Su tematiche legate alla compilazione, lettura e controllo delle informazioni sulle sostanze pericolose, aggiornamento normativo, presso la Sede del Cliente

Infochem Forum

Dedicato ai quesiti tecnici e pratici derivanti dall'applicazione della normativa sulla classificazione delle sostanze e preparati pericolosi secondo l'U.E.